Overwatch: una guida alla storia di Reinhardt

Reinhardt Wilhelm ha inseguito la gloria sin dai suoi primi giorni nelle forze armate tedesche. Un cavaliere presuntuoso, deteneva le virtù della giustizia, del coraggio, del valore e dell'onore al di sopra di ogni altra cosa.

Durante la sua permanenza nelle forze armate, Reinhardt si dimostrò un abile soldato, ricevendo innumerevoli medaglie e diventando un eroe decorato in tempo di guerra.

Come risultato di questa abilità e reputazione, Reinhardt lasciò l'esercito tedesco per unirsi a The Crusaders.

I Crociati erano un ordine militare attivo durante la crisi omnic. Si definivano cavallereschi e condividevano molti degli stessi ideali di Reinhardt. Spesso assistevano l'esercito tedesco nelle operazioni, fornendo copertura per caricare la fanteria.

Reinhardt era di stanza a Eichenwalde e prestò servizio sotto il suo mentore e leader dei Crociati, Balderich Von Adler.

Ad un certo punto durante la guerra, Balderich fu scelto per unirsi alla forza d'attacco che alla fine divenne Overwatch.

Prima della partenza, Balderich ha trascorso la sua ultima notte in compagnia di Reinhardt e della sua unità a Braueret Mittagskrug.

Reinhardt era contrario alla partenza del suo mentore, pensando fosse meglio restare con i Crusaders e la gloria che ne derivava, piuttosto che svanire in un'organizzazione militare segreta.

In questo momento, Eichenwalde è stata attaccata dalle truppe omnic nemiche.

Desideroso di mettersi alla prova, Reinhardt si è lanciato a capofitto nella battaglia. Ha disobbedito all'ordine di restare con la sua unità, invece di correre avanti, distruggendo tutti gli omnic che si erano messi sulla sua strada.

Baderich lo raggiunse e gli ordinò di rimettersi in fila. Reinhardt disobbedì di nuovo, insistendo sul fatto che gli altri lo avrebbero solo rallentato.

All'insaputa di entrambi, la loro unità è stata oggetto di un fuoco estremamente pesante dopo che i due sono scappati avanti.

Reinhardt ha continuato la sua campagna di distruzione e, imbattendosi in un'unità OR14, ha deciso di affrettarsi.

Questo si è rivelato un errore, poiché l'omnic ha colpito Reinhardt con la sua lama di calore, tagliandogli l'occhio sinistro nel processo.

Dopo aver ordinato all'unità di ritirarsi, Balderich è corso avanti per cercare di salvare il suo studente ormai indifeso.

Riuscì ad abbattere l'OR14, ma nel frattempo ricevette ferite mortali. Dopo aver perso la battaglia, la coppia e le restanti forze tedesche tornarono al castello di Eichenwalde.

Dopo essere tornato al castello, Balderich ordinò a Reinhardt di accompagnare il resto dell'unità al punto di raccolta mentre teneva la linea, rivelando a Reinhardt la natura mortale delle sue ferite.

Sconvolto, Reinhardt ha tentato di ragionare con il suo mentore, ma alla fine ha ceduto quando Balderich gli ha ricordato che il resto dell'unità aveva bisogno di lui come scudo.

Prima di partire, Balderich ha preso la mano di Reinhardt. Dopo aver rotto la stretta di mano, Reinhardt ha scoperto che il leader di The Crusader gli aveva dato la sua medaglia di Overwatch, che è servita a dimostrare l'appartenenza al gruppo.

Reinhardt lasciò il martello e tornò dal resto delle truppe. Grazie alla sua inesorabile volontà di ferro, le forze tedesche respinsero gli omnic, resistendo alla fine abbastanza a lungo da consentire al resto delle forze armate di lanciare un contrattacco.

Reinhardt finì per essere l'unico crociato sopravvissuto all'attacco e, con la coscienza pesante, fu inserito nella squadra d'assalto originale di Overwatch.

More posts